Silvio Brocchetti

Silvio Brocchetti

Silvio Brocchetti

La mia grande passione per il bonsai inizia nella primavera del 1991, all’età di 16 anni, quando mi viene regalato il mio primo bonsai, un olmo zelkova, che ho ancora tutt’oggi.

Mi ricordo la grande preoccupazione di come prendermene cura in quanto in quel periodo non esistevano corsi e i manuali non si trovavano facilmente. 

Man mano che i mesi passavano e vedevo il bonsai sopravvivere iniziavo a capire e comprendere le sue esigenze, comportandomi di conseguenza.

Con l’ausilio di manuali e guide basi mi sono gradualmente addentrato nell’affascinante mondo del bonsai e man mano che il tempo passava la mia collezione aumentava gradualmente di numero e di varietà diverse.

Gli anni passano e anche se qualche bonsai passa a migliore vita la voglia di conoscere e migliorare non si arresta.

Nella primavera del 2001 decido di frequentare un corso base presso la filiale a Brescia di Crespi e dopo avere visto mostre e seminari, mi iscrivo al corso triennale dell’università di Crespi a Parabiago (Mi) nel 2004 diplomandomi nel 2007.

L’incontro con la famiglia Crespi, la formazione che ho avuto dai vari docenti e soprattutto la guida del migliore maestro che potessi mai avere Nobuyuki Kajiwara mi hanno fatto innamorare del bonsai e della filosofia orientale, sapere ascoltare, accudire e ricreare in un limitato spazio la bellezza, la forza e l’eternità della natura è meraviglioso e affascinante. 

Annualmente frequento i master di specializzazione tenuti dal maestro Kajiwara presso la sede di Crespi a Parabiago (Mi) dove con il confronto e la continua formazione si migliora la propria esperienza.

Ho avuto la possibilità di seguire corsi tenuti da grandi maestri giapponesi quali Kentaro Shiino, Takahiro Kato e Hiroharu Kobayaschi dove l’apprendimento delle varie tecniche di coltivazione e la grande esperienza dei maestri accresce la mia formazione e la consapevolezza che nel mondo bonsai non si termina mai di apprendere ed ogni volta è sempre una meraviglia.

Nessun Commento

Per questo articolo i commenti sono chiusi.